goldenreed6.jpggoldenreed3.jpggoldenreed7.jpggoldenreed1.jpggoldenreed8.jpggoldenreed9.jpggoldenreed4.jpggoldenreed5.jpggoldenreed2.jpg

CALCIO ESTERO

PALLONE DESAPARECIDO - L’Argentina dei generali e il Mondiale del 1978

Alec Cordolcini

Prefazione di Antonello Cuccureddu

Dimensione: 15x21
Num. Pag. 152
Prezzo: Euro 16,00
ISBN: 978-88-96184-32-5
Immagini: fotografie a colori

Disponibile anche in formato eBook su Amazon Euro: 6,99

Una vicenda che molti non conoscono o che hanno fatto finta di dimenticare. Il regime militare di Jorge Rafael Videla e un Mondiale che l’Argentina, paese ospitante, “doveva” vincere a tutti i costi. E lo fece. Argentina 78 non è solamente Kempes e Bertoni, Bearzot e Rensenbrink. Argentina 78 significa il calcio trasformato in strumento di propaganda da una dittatura alla ricerca del consenso (meglio ancora, del silenzio) della comunità internazionale. Il fragore degli applausi nelle strade di Buenos Aires che nasconde le grida delle persone torturate dai militari nelle “stanze dell’orrore” a pochi metri dallo stadio. Una tragedia mascherata da festa del popolo.

... 1978: Sandro Pertini era stato appena eletto capo dello Stato, dopo tutto quello che era successo ci parve un ricominciare, un tornare a sperare, un fuggire dalla paura. Ma a quel punto c’era già stato il 6-0 al Perù, il palo di Rensenbrink, l’urlo di Videla, insomma il Mondiale vinto dall’Argentina. A qualche isolato dall’inferno...

Quanto sapevo, quanto sapevamo di quell’inferno?

Forse, in quel ’78, non riuscivamo a pensare oltre e mura di casa, portando lo sguardo undicimila chilometri più in là. Magari è per questo che con gli anni, un po’ d’Italia ha sentito un bisogno quasi viscerale di tornare a quel momento, a quel pezzo di sé visto che l’Argentina sa sempre tanto d’Italia. A chiedersi perché quella follia, quelle trentamila vita spezzate, quel Mondiale di calcio asservito al nazionalismo più feroce. (dalla prefazione di Valerio Piccioni)

...la parte peggiore fu la fine, senza dignità e coperta di fango, quei cadaveri che tornavano ai letti dei fiumi, alle fosse comuni, scuotendo la testa e cantando la canzone dell’oblio. E noi siamo qui, con questi tamburi, con queste folli bandiere sudate, con il mondo sottosopra... (dalla poesia Mundial di Carlos Ferreira)


Alec Cordolcini
, è un giornalista sportivo che diviede la propria vita tra Como e Lecco. Specializzato in calcio internazionale, collabora con diverse testate italiane e straniere, tra cui La Gazzetta dello Sport, Il Giornale, il Guerin Sportivo, il quotidiano svizzero Il Giornale del Popolo e il web-magazine inglese Inside Futbol. Per Bradipolibri ha pubblicato anche  "La rivoluzione dei tulipani- storie e protagonisti di cento anni di calcio olandese". Sul web è presente con il blog http://radio-olanda.blogspot.com.


Bradipolibri Editore SRL - P.IVA 08469780012 - C.F. 08469780012 - Sede legale: Piazza Statuto 9 - 10122 Torino.
Esclusivamente per la corrispondenza: Bradipolibri presso: Casella Postale 7 - Via Dora Baltea, 16 - 10015 Ivrea - Privacy
Tutti i diritti riservati - All right reserved © 1999 - 2018 (Torino, Italy) - Tel. +39 371.3134694 - E-mail edizioni@bradipolibri.it - PEC bradipolibri@pec.bradipolibri.it