goldenreed1.jpggoldenreed2.jpggoldenreed8.jpggoldenreed5.jpggoldenreed3.jpggoldenreed6.jpggoldenreed9.jpggoldenreed7.jpggoldenreed4.jpg

Articoli

SPORT NELLA PROPAGANDA FASCISTA (LO)

Prefazione di Antonio Ghirelli

Dimensione: 15x21
Num. Pag. 240
Prezzo: Euro 18,50
ISBN: 978-88-88329-09-3
Immagini: Fotografie b/n


...uno studio molto serio e approfondito che, per lo scrupolo documentario e la rinuncia ad ogni ambizione narrativa, ricorda -si parva licet componere magnis, naturalmente- lo stile di Renzo De Felice, massimo storico del fenomeno fascista e del suo creatore...


(Dalla prefazione di Antonio Ghirelli)
 

NEL LIBRO TROVERAI:

PRIMA DEL FASCISMO
I primordi della cultura fisica in Italia
L'età dell'associazionismo
La stampa sportiva prima del fascismo
Lo sport italiano dal 1900 al 1922

LO SPORT E IL FASCISMO
L'avvento del fascismo
Lo sport nell'ideologia e nella politica fascista
L'opera fascista nella scuola. L'ENEF

LANDO FERRETTI
L'avvento di Lando Ferretti
Lando Ferretti e la scelta della conservazione
Le Olimpiadi di Amsterdam del 1928

IL CONI DEL DOPO FERRETTI
La presidenza Turati e la "Carta dello sport"
Da Iti Bacci a Leandro Arpinati
Tutto il potere sportivo nelle mani di Starace

LO SPORT NELLE ORGANIZZAZIONI FASCISTE
L'Opera Nazionale Balilla e lo sport nella scuola
Lo sport nelle organizzazioni giovanili fasciste
Dai Fasci giovanili di combattimento alla GIL
Il modello di universitaro-sportivo
Lo sport nei GUF
L'Accademia della Farnesina
Lo sport femminile
L'Accademia femminile di Orvieto
Lo sport nell'Opera Nazionale Dopolavoro
Lo sport nella Milizia
Lo sport nell'esercito

LE TEORIE POLITICO-SPORTIVE DI LANDO FERRETTI
L'armonizzazione delle classi
L'"uomo nuovo"
La "Nazione sportiva"
Gli "eletti"
La "Nazione guerriera"
Lo "sport fascista"
Lando Ferretti giornalista
I collaboratori e le iniziative

IL FASCISMO E LO SPORT-SPETTACOLO
La sconfitta di Ferretti (lo sport spettacolo)
I successi sportivi degli anni Trenta
I gerarchi sportivi
Mussolini e lo sport
Il Duce sportivo

L’uso strumentale che delle competizioni agonistiche ha fatto il fascismo per propagandare un’ideologia politica improntata al nazionalismo e al culto della forza fisica; gli aspetti politici e sociologici dell’intervento di Mussolini nell’organizzazione e nello sfruttamento massimediatico delle gare sportive di alto livello: l’orgia di retorica fino al disastro finale, attraverso i personaggi, le varie fasi dell’associazionismo sportivo, lo sviluppo delle testate giornalistiche dedicate allo sport, le teorie politiche e l’avvento dello sport-spettacolo. Un lavoro attento, puntuale, ampiamente documentato che rivela come il progetto fascista di “sport per tutti” non abbia potuto realizzarsi.

 
Andrea Bacci è nato nel 1970 in provincia di Siena. Ha al suo attivo la pubblicazione di altri cinque libri in cui racconta vari aspetti della storia dello sport. La biografia su Renato Curi è pubblicata per queste edizioni. Con "Lo sport nella propaganda fascista" ha ottenuto la Targa d'onore al Premio Bancarella Sport.




Bradipolibri Editore SRL - P.IVA 08469780012 - C.F. 08469780012 - Sede legale: Piazza Statuto 9 - 10122 Torino.
Esclusivamente per la corrispondenza: Bradipolibri presso: Casella Postale 7 - Via Dora Baltea, 16 - 10015 Ivrea - Privacy
Tutti i diritti riservati - All right reserved © 1999 - 2018 (Torino, Italy) - Tel. +39 371.3134694 - E-mail edizioni@bradipolibri.it - PEC bradipolibri@pec.bradipolibri.it