goldenreed7.jpggoldenreed6.jpggoldenreed8.jpggoldenreed3.jpggoldenreed1.jpggoldenreed4.jpggoldenreed2.jpggoldenreed5.jpggoldenreed9.jpg

Articoli

Fausto, un seugn ëdzora a doe rove

Flavio Pieranni - Vittoria Minetti

Dimensione: 15x21
Num. Pag. 122
Prezzo: Euro 12,00
ISBN: 9788899146689

libro in doppia lingua piemontese/italiano
con molte fotografie

 

A sto ponto pì gnun a l’ha podulo fërmé. 
Minca vòta che la stra a comensava a monté, chiel as butava an pe sij pedaj e a ciapava ‘l vol, pròpi me n’airon ch’a duverta soe ale vers ël sol. A l’ha sbërgiarà tuti j’avërsari e a l’ha fàit sò ël Tour de France. Ansema a la maja reusa a l’ha giontaje cola giàuna. Mai gnun prima ‘d chiel a l’era stàit bon a vagné Gir e Tour ant ël midem ann! A l’é mancaie un pluch ch’a triplichèissa ai mondiaj ëd Copenhagen a l’ha corù da prim ator, a l’é rivà ters batù da Rik che, a soa dita, a l’avìa sudà sèt camise për steje dapress e passeje peui dëdnans an volà. “A sarìa bastame në scavalcavìa për dëstachelo, ma a l’era na stra da corsa tanto piata ch’i l’hai pa fàila” a l’ha comentà Fausto a la fin. Gnente ‘d mal! Për nen fesse manché gnente, Fausto a l’é portasse ‘dcò a ca ‘l Campionà mondial dël corse dapress, ël Campionà Italian su stra e, për la vòlta ch’a fasìa quatr ëd fila, la clàssica ‘d ciusa, ël Gir ëd Lombardìa. 
A l’era nassuie ël Grand, grand Campion. 

E non ce ne fu più per nessuno! Ogni volta che la strada saliva Fausto si alzava sui pedali e iniziava il volo, come un airone che dispiega le sue ali verso il sole. Sbaragliò tutti gli avversari e fece suo il Tour de France; dopo la maglia rosa, pure quella gialla! Mai nessuno prima di lui era riuscito a vincere Giro e Tour nel medesimo anno! Per un nonnulla a Fausto non riuscì la tripletta; ai mondiali su strada di Copenaghen, corse da protagonista assoluto, arrivò terzo, battuto da Rik che, per sua ammissione, sudò più delle proverbiali sette camicie per stargli a ruota e batterlo in volata “mi sarebbe bastato anche solo un cavalcavia per staccarlo, ma era un circuito talmente piatto che non ce l’ho fatta” affermò Fausto alla fine. Poco male! Per non farsi mancare nulla Fausto fece suoi anche il Campionato del mondo di inseguimento, il Campionato Italiano su strada e, per la quarta volta di seguito, la classica di chiusura, il Giro di Lombardia, 
Era nato il Campionissimo!

Rispetto agli altri eroi di allora, Coppi è stato anche un precursore nella vita privata: la sua relazione illegittima con la Dama Bianca, al secolo Giulia Occhini, fece gridare allo scandalo ma di fatto anticipò una tematica che sarebbe stata affrontata radicalmente negli anni a venire, sconfiggendo il bieco bigottismo di allora. Una vita straordinariamente vera ma anche intensamente cinematografica, quella di Fausto. E tutto ciò sino agli ultimi attimi di esistenza terrena, perché se è vero come diceva il commediografo greco Menandro che “muore giovane chi è caro agli dei”, a pieno diritto il campionissimo di Castellania si è ricavato uno spazio nel regno dell’immortalità volando in cielo come un autentico airone (come sapeva fare benissimo in bicicletta…) in una mattina fredda e uggiosa del 2 gennaio 1960, a poco più di quarant’anni, stroncato da una malaria che neppure i medici, in quanto comuni mortali, erano stati capaci di diagnosticare. (dalla prefazione di Paolo Viberti)


Bradipolibri Editore SRL - P.IVA 08469780012 - C.F. 08469780012 - Sede legale: Piazza Statuto 9 - 10122 Torino.
Esclusivamente per la corrispondenza: Bradipolibri presso: Casella Postale 7 - Via Dora Baltea, 16 - 10015 Ivrea - Privacy
Tutti i diritti riservati - All right reserved © 1999 - 2018 (Torino, Italy) - Tel. +39 371.3134694 - E-mail edizioni@bradipolibri.it - PEC bradipolibri@pec.bradipolibri.it